Cerca nel blog

Giancarlo Buonofiglio - Diventare gay in 10 lezioni

A cura di Francesco Sansone
Grafica di Giovanni Trapani
“Leggendo questo libro, il lettore più disponibile sarà forse tentato di assestarsi su una posizione conservatrice sentenziando che è “contronatura”, convincendosi magari a prendere moglie. Niente di male. Vorrei però ricordargli che la discriminante ecologica non è mai sostanziale, e che il concetto di “natura” è molto spesso un comodo alibi, peraltro infondato. Perché, al di là del facile stereotipo, i gay la natura la amano eccome, come e più di altri; la amano anzi così tanto da volerla amare talvolta anche contro natura. A dissuaderlo dall’intento di convolare a nozze dovrebbe poi bastare una considerazione di tipo logico (deducibile nientemeno da santo Anselmo), semplicemente meditando sul fatto che se la moglie fosse una cosa buona, Dio probabilmente ne avrebbe una. Cum vizio et voluttà.” Così, Giancarlo Buonofiglio presenta il suo ‘Diventare gay in 10 lezioni’ (Selfpublishing, Euro 2,99), un libro concepito come un pamphlet che, con una disarmante ironia, affronta il tema dell’omosessualità analizzando i vari aspetti con cui viene considerata, e condannata, dalla società italiana.
  Continua sotto...
Lo trovi qui  
Un testo interessante che smonta la tesi dei detrattori, mostrandone i limiti. Chiesta, Stato, magistratura e studi medici sono messi sotto i riflettori per spiegare come le tesi, le limitazioni da esse imposte, condannano la libertà di quelle persone ritenute ‘anormali’ solo perché non rispecchiano un modello a cui si deve sottostare.
Interessante anche i discorsi che Buonofiglio fa sulla lingua – sui diversi modi con cui la società ama appellare gli omosessuali – sulle differenze di classe – se ricco un gay è accettato come eccentrico se povero, invece, è condannato.
 Continua sotto...
http://www.ibs.it/code/9788897309215/sansone-francesco/oltre-evidenza-racconti.html
Adesso anche in ebook qui 
Un saggio ironico, ma che, in quanto tale, apre le menti alla riflessione come, ormai, solo l’ironia riesce a fare in un paese che sempre più regredisce in convinzioni arcaiche e incapaci di stare al passo coi tempi.
Domani l’intervista all’autore. 
Read More

River Jaymes - La regola dell'ex

Per conoscere tutte le uscite editoriali della settimana clicca qui

A cura di Lilia Stecchi
Grafica di Giovanni Trapani
La regola dell'ex di River Jaymes è il secondo libro della serie Boyfriends Chronicles (tradotto da Barbara Cinelli per la Triskell Edizioni, prezzo 5,99 euro), dove Memphis Haines, stuntman è sopravvissuto due volte al cancro, eccelle nel cavarsela sempre. Quando gli si presenta la possibilità di aiutare il suo ex-fidanzato con un evento di beneficenza, coglie al volo l’occasione per tentare di farsi perdonare, visto il modo in cui ha lasciato Tyler dieci anni prima. E l’atteggiamento freddo del Dr. Tyler Hall è una sfida a cui Memphis non può resistere: deve riuscire a sciogliere la compostezza di quell’uomo.
Tyler Hall si è dato una regola semplice: non rimettersi più con i propri ex fidanzati. Basta. Di certo non è interessato a ricucire i rapporti con Memphis Haines, il suo ex che salta dagli edifici, schiva le esplosioni, e posa per una pubblicità di biancheria intima firmata. Dieci anni prima, innamorarsi di lui gli ha cambiato la vita. E quando Memphis l’ha lasciato da un momento all’altro, il mondo di Tyler è finito sottosopra. Memphis, però, sembra determinato a rivangare il passato. E il suo sorriso sciogli-mutande, il suo corpo solido e il suo fascino stanno riportando in superficie ricordi eccitanti che è meglio non ricordare, e che rendono sempre più difficile l’intento di Tyler di mantenere fede alla promessa che ha fatto a se stesso.
  Continua sotto...
Lo trovi qui  
Circa un anno fa ho avuto il piacere di leggere 'Fidanzato di scorta' di River Jaymes, ed è inutile dirvi che la storia mi aveva davvero emozionato, amando tantissimo la caratterizzazione che l'autrice aveva dato ai suoi personaggi. Tra questi c'era il dottor Tyler Hall. Ora ditemi chi non è rimasto affascinato, o almeno incuriosito, dall'Uomo di Ghiaccio tanto da volerne sapere di più? Cosa lo ha spinto a essere sempre così imperscrutabile senza lasciar trasparire nessun sentimento? In questo libro scopriremo tutto del bel dottore, e di ciò che lo ha portato a diventare una persona fredda e distaccata.
Tyler ha una regola: non ricadere mai in una relazione con un ex. Ed è questo che pensa quando, dovendo prendere accordi per una serata di beneficenza a favore della clinica che dirige insieme ad Alec, anche lui un suo ex, si reca da Memphis Haines. Memphis è uno stuntman spericolato e famoso modello di intimo firmato, ed è stato il ragazzo di Tyler una decina di anni prima, quando entrambi frequentavano il college. A quei tempi i due ragazzi erano legati da un sentimento forte e totalitario, soprattutto Tyler, che aveva trovato in Memphis la persona da cui prendere sicurezza e sbloccarsi un po' dalla sua timidezza. Memphis, un ragazzo forte e deciso e già, così giovane, uscito vittorioso dalla lotta contro il cancro, era stato anche un sostegno per Tyler, colui che lo aveva stretto e sostenuto quando la madre naturale era morta di tumore, ma anche quando la sua famiglia adottiva lo aveva allontanato perché gay. All'improvviso, però, tutto questo era finito. Memphis in un attimo sparisce dalla vita di Tyler, senza una motivazione, senza spiegazioni, senza un perché, mandando in frantumi quel po' di sicurezza che il ragazzo aveva acquisito con lo stare insieme.
Il Memphis di adesso è una persona che vive a cento all'ora, affrontando ogni sfida come se non avesse un domani. Ha una lista di cose che deve fare assolutamente, perché non si sa quando la vita può fregarti, e lui lo sa bene. Tra queste c'è quella di farsi perdonare da Tyler per averlo abbandonato in passato... c'è anche un'altra cosa nella lista di Memphis che riguarda Tyler, ma il dottore non gliela renderà per niente facile, anzi. Abbandonato dalla madre naturale quando era un bambino, cacciato dai genitori adottivi perché gay, lasciato senza una spiegazione dalla persona di cui è innamorato, per Tyler è un gioco da ragazzi richiudersi nuovamente nel suo guscio, non concedere facilmente la sua fiducia e seppellire dietro una facciata glaciale tutti i suoi sentimenti. Memphis però è deciso nel chiedere scusa e, a dire la verità, questa versione di Tyler lo attira parecchio riaccendendo quella fiamma che lui stesso aveva voluto spegnere. I due daranno vita a una dura “battaglia” verbale, di carattere, con gesti inaspettati e azioni spericolate, e solo quando Tyler saprà il motivo per cui Memphis lo ha abbandonato, dopo un primo momento di rabbia e sconcerto, riuscirà a perdonarlo e a dare una possibilità al loro amore.
 Continua sotto...
http://www.ibs.it/code/9788897309215/sansone-francesco/oltre-evidenza-racconti.html
Adesso anche in ebook qui 
Mi ha molto emozionata questo libro, che a differenza del primo è più profondo e serio, sia per alcuni argomenti trattati, sia per come i due protagonisti vanno nel profondo dei loro pensieri e dei loro sentimenti. Ho apprezzato all'inizio del romanzo la serie di flashback alternati al presente, che ci ha permesso di conoscere i due ragazzi quando erano un tutt'uno e innamorati, in confronto a quello che sono oggi. Allo stesso modo mi è piaciuto il finale non scontato. Ho gioito per la novità che aspetta Dylan e Alec, che cambierà un po' le loro vite. Ho riso per le “pazzie” di Noah che, nel momento del bisogno, si rivela sempre una grande amico per i ragazzi. Sapendo poi che il protagonista del terzo libro sarà proprio Noah, qualcosa mi dice che ne vedremo delle belle.
Read More

"Sono gli adulti ad avere dei tabù"- Intervista a Haìs Tìmur

A cura di Francesco Sansone
Grafica di Giovanni Trapani
Autrice del romanzo 'on the road' Baja California, Haìs Tìmur ci parla del percorso che l'ha porta a scrivere il libro, ma anche delle testimonianze raccolte per scrivere il personaggio di Fabio, uno dei quattro fratelli, che ha perso il lavoro d'insegnate per via della sua omosessualità.
Read More

Haìs Tìmur - Baja California

A cura di Francesco Sansone
Grafica di Giovanni Trapani
Tre fratelli milanesi intraprendono un viaggio verso la calda Baja California, spinti dalla necessità di fuggire dai problemi della vita quotidiana. Si ricongiungeranno così al fratello maggiore Manuel, trasferitosi in Messico già da diversi anni, seguendo la vocazione sacerdotale. Il viaggio si rivelerà un'avventura inaspettata. Durante il lungo tragitto verso la missione del fratello Gesuita, i tre faranno incontri sorprendenti e dovranno superare molte prove, ognuna delle quali contribuirà a svelare loro un mistero che li coinvolge: in quell'arida penisola niente è come sembra... Il viaggio cambierà per sempre il destino dei componenti di questa famiglia, ognuno dei quali farà un proprio percorso di vita, con un epilogo diverso per ciascuno di loro.
Baja California di Haìs Tìmur (Schena editore, Euro 12,00) è un vero e proprio on the road dove i protagonisti potranno ritrovare se stessi una volta intrapreso il viaggio per sfuggire alle difficoltà di ogni giorno.  
Fabio, Carlo, Riccardo e, successivamente, Manuel, il fratello gesuita che lavora in Messico, potranno fare i conti con se stessi e apprezzare quanto di bello c’è nella loro vita.
Continua sotto...
Lo trovi qui  
La bravura della Rìmur sta nell’aver dato a ogni protagonista delle caratteristiche ben precise nelle quali il lettore può rispecchiarsi. C’è Riccardo il tipo composto, quello che, in un modo o nell’altro, cerca di gestire le difficoltà della famiglia. C’è Carlo, l’eterno Peter Pan che non riesce a tenerselo nelle mutande e che capisce di aver sbagliato solo quando la moglie, Sara, gli chiede la separazione. C’è Fabio, il più piccolo dei tre, che ha perduto il suo lavoro di insegnante a causa di alcune mamme per via della sua omosessualità. Infine,  c’è Manuel, il missionario, che ha deciso di dedicare la propria vita al servizio del prossimo.  Quattro caratteri e quattro fratelli diversi che però sono legati da un affetto sincero.
 Continua sotto...
http://www.ibs.it/code/9788897309215/sansone-francesco/oltre-evidenza-racconti.html
Adesso anche in ebook qui 
Anche la descrizione della Bassa California è fatta in maniera impeccabile. Ogni dettaglio, ogni luogo, ogni profumo si palesano al lettore che ha, così, l’impressione di essere lì con i fratelli, e tutto questo non sarebbe stato possibile se la scrittura della Tìmur non fosse stata così diretta e, passatemi il termine, parlata. Una scrittura più ricercata, più artificiosa se vogliamo, avrebbe fatto perdere al romanzo la sua forza narrativa, e Baja California è piacevole proprio per questo e non ha niente da invidiare a nessun’altra opera.
Domani l'intervista all'autrice.
Read More

A.M. Sexton - Liberazione (serie Davlova, 1)

Per conoscere tutte le uscite editoriali della settimana clicca qui

A cura di Lilia Stecchi
Grafica di Giovanni Trapani

Non è di un libro romance che vi parlerò questa volta, anzi, Liberazione di A.M. Sexton, (serie Davlova, 1 – tradotto da Lucy C. ed Emanuela Graziani, edito da Triskell Edizioni, prezzo 5,99 euro) si può definire più un romanzo dark, duro, a tratti violento e che suscita emozioni forti e contrastanti, ma che ho amato con tutta me stessa dalla prima all'ultima riga.
Siamo a Davlova: una città-stato oppressa dalla povertà e governata da un'aristocrazia tirannica. Le risorse sono scarse e la tecnologia è illegale. E nei bassifondi cova la rivoluzione. Misha è un borseggiatore comune, finché il suo capo non gli assegna un nuovo lavoro. Facendosi passare per una prostituta, Misha viene spedito a lavorare per uno degli uomini più potenti della città. Ma il suo vero obiettivo è molto più pericoloso: avvicinarsi a Miguel Donato, e trovare qualcosa - qualsiasi cosa - che possa aiutare a far cadere il governo corrotto di Davlova. Misha si immerge nel mondo decadente dell'aristocrazia, dove gli schiavi sono comuni e dove è possibile trovare anche il piacere più perverso. Anche se è sicuro che l'élite di Davlova sia coinvolta in qualcosa di terribile, le prove sono difficili da trovare, e Misha inizia ad innamorarsi dell'uomo che dovrebbe tradire. Poi incontra Ayo – uno schiavo sessuale costretto da un impianto neurale nel suo cervello a provare piacere per il dolore - e tutto cambia. Mentre gli abitanti della città bassa si spingono verso una rivoluzione sanguinosa, Misha si troverà preso tra i sentimenti inattesi che prova per Donato, il dovere verso il clan e la determinazione di salvare Ayo.
 Continua sotto...
Lo trovi qui  
La storia si svolge, con un'ambientazione distopìca a Davlova, città stato governata da un'aristocrazia tirannica che vive su una collina circondata da alte mura bianche. All'interno delle mura ci sono i “nati puri”, gente ricca che tiene in mano il potere, anche in maniera ingiusta e prevaricatrice, e che ha ogni tipo di confort, belle case, vestiti eleganti, elettricità, locali ricercati, servitù e addirittura schiavi. Al di fuori ci sono i bassifondi, suddivisi in quadranti, dove il punto di maggior degrado è caratterizzato dai fossati. Nei fossati si sopravvive di espedienti, borseggio e prostituzione sono forse le attività “più redditizie” tra una popolazione che va avanti di fame e miseria e con l'assoluto divieto di usare la tecnologia.
È proprio nei fossati che conosciamo Misha, un ragazzo particolare rispetto alla popolazione di Davlova, pelle chiara, capelli neri e occhi verdi in un mare di capelli castani e occhi marroni, che per aiutare il clan di Anzhéla fa il borseggiatore. Sarà proprio il suo capo che, invischiata in altre attività che portano all'organizzazione di una rivolta che mira a far cadere il governo dei tiranni, gli chiederà di svolgere un lavoro un po' particolare per aiutare la causa. Misha all'inizio rimane sbalordito, confuso, deciso a dire di no, lui non è certo una prostituta, ma è questo che ha chiesto Donato Miguel, una puttana dolce ed esotica e, quando Donato ordina, nessuno può rifiutare. Con la promessa di potersi ritirare dalla “missione” in qualsiasi momento Misha accetta iniziando a frequentare la casa di Donato, ma non è facile, per niente. Donato è un uomo violento, restio a parlare e che non vede altro che il suo piacere e Misha è spesso tentato di non voler tornare più. C'è una cosa che però frena Misha da questo proposito, Miguel. Miguel è l'altra metà di Donato ed è quasi naturale innamorarsi di lui. È dolce, tenero, un buon intrattenitore, attento alle esigenze del compagno, vizia e coccola quello che sembra non essere più una puttana, ma un giovane amante. E poi... poi c'è la bestia.
Non si comprende il perché, se non quasi alla fine del libro, ma ogni volta che Donato torna dai suoi viaggi “di lavoro” a Dephiline il suo animo si tinge di nero, trasformandolo in un essere senza empatia, sadico e crudele, che sfoga la sua rabbia repressa soprattutto su un giovane, trasformato in schiavo sessuale grazie a un impianto al cervello, di nome Ayo. È anche per proteggerlo e per i sentimenti che inizia a provare per lui che Misha decide di frequentare ancora la casa di Donato e, subendone in un crescendo le conseguenze, infine portarlo alla liberazione.
 Continua sotto...
http://www.ibs.it/code/9788897309215/sansone-francesco/oltre-evidenza-racconti.html
Adesso anche in ebook qui 
A.M Sexton, o se la preferite senza pseudonimo Marie Sexton, mi ha totalmente travolta con questo romanzo, e in senso assolutamente positivo. Si parla di Misha e della sua storia, ma personalmente l'ho vista più come un'opera corale, dove la parola “liberazione” fa da filo conduttore alla vita di più persone. La liberazione che sogna Anzhéla che, in alleanza con Aleksey, trama per far scoppiare la rivolta dei bassifondi e destabilizzare il governo tiranno. La liberazione che ha rincorso da tutta una vita Fray per il suo io, per sentirsi finalmente bene con se stesso. La liberazione che Misha desidera donare ad Ayo e che il ragazzo agogna con tutto se stesso, anche se questa può portarlo alla fine di tutto. Infine la liberazione di Miguel da Donato e dalla bestia. Ecco, molti ora mi prenderanno per pazza, ma alla fine Miguel mi ha emozionato tantissimo. È stato l'unico personaggio in tutto il libro per cui ho pianto e per il quale, solo per un impercettibile momento, ho sfiorato il desiderio di un destino diverso.

Complimenti ancora alla Sexton, conosciuta e amata per la sua bravura e il suo romanticismo in altri libri e che ho adorato in questo suo “esperimento” dark, sapendo creare questo mondo dalle ambientazioni fosche, ma allo stesso tempo reali, tanto da vedere trasformarsi in immagini il susseguirsi delle parole lette. Un plauso speciale va alle traduttrici e un grazie gigante va alla Triskell, che ha deciso di creare la collana dark pur di farci avere questa fantastica lettura, che sì sarà violenta, drammatica, cruda e dove quelli che non amano situazioni al limite storceranno un po' il naso, ma... davvero, non dovete perdervela.

Read More

Cecilia Ryan - Il maestro di eleganza

Per conoscere tutte le uscite editoriali della settimana clicca qui

A cura di Lilia Stecchi
Grafica di Giovanni Trapani


Il libro di cui vi parlo oggi è Il maestro di eleganza di Cecilia Ryan (tradotto da Cornelia Grey, edito dalla Dreamspinner Press, prezzo 3,99 Euro), dove l'autrice ci racconta la sua versione di alcuni anni della vita di Lord Brummell, Quando Beau Brummell, maestro d’eleganza di corte, incontra un bel soldato a un ballo pieno di gente che ha iniziato ad annoiarlo, ha in mente solo una breve relazione e l’opportunità di dimostrare che l’abito fa il monaco. Toby, però, si rivela essere non solo bellissimo, ma anche un amante gentile e generoso e Beau presto finisce con l’innamorarsene. Malgrado all’inizio abbia acconsentito ai piani di Beau per permettergli di divertirsi, il geloso Principe Reggente dà un ultimatum: Toby deve tornare in Francia o qualcuno rischierà l’accusa di tradimento. Sapendo che Toby non ha molte speranze di sopravvivere alla guerra, Beau inizia a sprofondare nella depressione e nei debiti. È sicuro che lui e Toby non si rivedranno mai più…

   Continua sotto...
Lo trovi qui  

Il periodo storico in cui si svolge la vicenda è quello tra la Rivoluzione Francese e i primi piani di conquista di Napoleone. Non ci troviamo però al centro dell'azione bellica, ma a Londra e il protagonista è Lord Giorgio “Beau” Brummell un personaggio realmente esistito alla corte del Principe Reggente. È colui che è conosciuto per aver cambiato l'abbigliamento inglese, fino a quel momento caratterizzato da colori vivaci e parrucche imbellettate, con uno più sobrio, ma, soprattutto, è colui che ha inculcato nelle teste inglesi l'uso frequente del sapone, oggetto non tanto apprezzato fino a quel momento tra i suoi connazionali.
La storia ha inizio a una delle tante feste organizzate a corte e dove, in un momento di noia, Brummell e il Principe Giorgio si lanciano una “sfida” che, con il senno di poi, li porterà a rompere per sempre il loro rapporto: Beau in un breve periodo dovrà trasformare un soldato in licenza presente alla festa in una persona elegante e raffinata.
Il soldato in questione, che ha attirato le attenzioni di Brummell con ben altre mire, è Toby un eroe di guerra. Nato lontano dagli ambienti nobili e quindi non conoscendo i meccanismi dell'alta società Toby si dimostra sorpreso e anche un po' ingenuo nel venire a contatto con certi salotti esclusivi, però nell'intimità con Beau si dimostra una persona attenta ai desideri dell'altro, ma anche gentile, pratico e disincantato. Toby sembra essere cosciente fin dall'inizio che il loro è un rapporto “a scadenza”, dovrà ritornare in guerra e, per quei tempi, moltissime volte voleva dire non tornare più. Anche per questo non esclude, né esclude per Beau, la possibilità di avere altri uomini. E Beau? Beau aveva iniziato tutto come un piacevole passatempo che lo distraesse dalla noia di corte, ma poi Toby lo sorprende piacevolmente, facendogli scoprire in un rapporto tra due uomini cose che non aveva mai immaginato e se ne innamora perdutamente. E quando il “geloso” Principe Reggente anticipa il rientro di Toby al suo reggimento Beau cade in depressione, si riempie di debiti di gioco e rompe bruscamente ogni rapporto con il Principe Giorgio.
“Chi è il tuo amico grasso, Alvanley?” detto davanti a tutti i presenti all'ultima festa a cui partecipa Lord Brummell, mettono fine definitivamente alla sua carriera di maestro di eleganza alla corte del Principe del Galles.

 Continua sotto...
http://www.ibs.it/code/9788897309215/sansone-francesco/oltre-evidenza-racconti.html
Adesso anche in ebook qui 

Una parte importante nel libro ce l'ha proprio Alvanley, amico fraterno di Brummell, che prova un palese amore nei suoi confronti. È un amore spirituale, puro, che viene dall'anima che lega i due, ma Beau è totalmente innamorato di Toby e Alvanley rispetta fino in fondo il sentimento che il suo amico prova per il soldato. Lo aiuterà in ogni modo, soprattutto nei momenti di oblio e depressione e, cosa importantissima, sarà l'artefice involontario del ritrovarsi dopo vari anni di Beau e Toby.
Lo so è uno storico e molti sanno che ho un debole per questo genere, se poi è unito al romance m/m non ne parliamo, ma Cecilia Ryan mi ha catturata. La descrizione sia dell'ambientazione che dei personaggi storici è fatta molto bene. L'eleganza di Brummell, l'odiosità del Principe e l'amicizia/amore totalitario di Anvanley probabilmente erano proprio così, o ci andavano molto vicino. Unica pecca per un'ingorda lettrice come me è proprio quella di aver preso un periodo di tempo così lungo, circa dodici/tredici anni, e averli ridotti in poco più di cinquanta pagine, facendoli raccontare solo dal punto di vista di Beau, quando invece a volte avrei voluto un approfondimento di certi aspetti e conoscere il pensiero degli altri personaggi.

Devo dire, infine, che anche nella sua brevità ho apprezzato molto questo romanzo. È un libro ben scritto e soprattutto ben curato, che consiglio per chi vuole una lettura rapida e piacevole.
Read More
Powered by Blogger.

Etichette/Tags

© Copyright Il mondo espanso dei romanzi gay